English   Español   Français


Qualora vogliate ricevere regolarmente le notizie dalla Curia dei gesuiti, inviate un'email con soggetto "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archivio newsletters precedenti
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Mirada Global online review

    politics, economy, culture and religion from a Latin American perspective. More »


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecology amd Jesuits in Communication

    Seeks to sustain a greater awareness of Jesuit people in ecology and advocacy efforts
    | More »


  • Stampare questo numero
    Archivio: newsletters successive a marzo 2009


    Vol. XX, No. 08 20 aprile 2016

    AVVISO

     

    TERREMOTO IN ECUADOR

    [Secondo comunicato: sera del 17 aprile]

     

    Cari gesuiti, amici, amiche e collaboratori:

    Il 16 aprile alle 19 si è verificato un terremoto di magnitudo 7,8 sulla scala Richter. L'epicentro è stato localizzato nella costa nord-occidentale dell'Ecuador, a circa 400 km dalla città di Quito.

    Grazie a Dio le nostre comunità della costa: Portoviejo, Manta e Guayaquil stanno bene, non hanno subito danni materiali, così come la maggior parte delle comunità della Provincia. Sono invece stati colpiti gli edifici della PUCE-MANABI (Chone, Bahía de Caráquez e Portoviejo); così come l'edificio del Centro de Promoción Social Río Manta, dove si sono verificati danni ai muri perimetrali e sono crollati alcuni muri interni.

    Le popolazioni più colpite sono Pedernales e Muisne. A 17 km. da Pedernales, nella comunità di Cañaveral, abbiamo una scuola popolare e alcune capanne del Colegio San Gabriel. Le capanne sono attualmente utilizzate come rifugio per i vicini.

    Secondo le notizie ufficiali, fin ad ora si sono registrati più di 230 morti, più di 1.500 feriti e centinaia di dispersi.

    I segni di solidarietà delle nostre Comunità e Opere, di Organizzazioni, Istituzioni e persone singole sono stati molto significativi, e di questo vi ringraziamo. Continuiamo a sostenere e a pregare per le vittime di questa tragedia.

    Ci affidiamo al Signore e alla nostra Madre Dolorosa.

    Un abbraccio a tutti e grazie per la solidarietà.

    P. Gilberto Freire, S.J.

    (Provinciale dei gesuiti dell'Ecuador) 

     

    Conversazioni con il Padre Generale

     

    Povertà e Solidarietà

     


    Se guardiamo alla Compagnia universale, talvolta può sembrare che alcuni dei nostri vivano con i poveri, mentre altri hanno pochi contatti con loro, se non addirittura nessuno. Cosa direbbe a un gesuita che ha pochi contatti con i poveri?

     

    R. Gli direi che sta perdendo qualcosa, se non altro una grande opportunità. I poveri ci danno un insegnamento unico sull'umanità e sul vero valore dell'"essere" rispetto all'"avere", i criteri di una vera amicizia, e cose di questo tipo. Allo stesso modo, essi ci insegnano qualcosa del Vangelo, che non potremmo apprendere in altro modo, a meno che non siamo molto avanti nella via del Signore, cosa di cui nessuno penso si possa vantare. Nessuno può essere forzato a condurre una vita che possiamo considerare ideale. Come il mio predecessore, il Padre Pedro Arrupe, disse a un gruppo di gesuiti: "Nella Compagnia, tutti sono chiamati a operare per i poveri; alcuni (un buon numero) sono chiamati a operare come i poveri; e pochi sono chiamati a operare con i poveri". È importante mantenere il rapporto dinamico tra Tutti, Alcuni e Pochi. Questo rispetta le scelte di ognuno ed è aperto alla varietà di risposte di ognuno alla chiamata del Signore.

     

    All'inizio del suo pontificato, Papa Francesco ha detto di volere una "chiesa povera per i poveri". Possiamo dire lo stesso della Compagnia?

     

    R. Senza alcun dubbio e ancor di più. Dopo tutto, noi facciamo un voto di povertà che deve pur voler dire qualcosa nel mondo attuale. Le difficoltà di metterlo in pratica non tolgono il fatto che il voto non è una scelta individuale, ma un modo di vivere dell'intero Ordine.

     

    Talvolta i gesuiti possono avere paura di lavorare con i poveri; come se fosse una sorta di vocazione speciale che non condividono. Cosa direbbe a un gesuita che la pensa così? Come possiamo vivere in maniera solidale con i poveri nel mondo attuale?

     

    R. È molto difficile vivere in maniera solidale con chiunque, se non conosciamo lui, la sua vita e i suoi problemi. La solidarietà implica una sorta di vicinanza che sia affettiva e affettuosa. È qualcosa di simile a ciò che il generale Uria fece quando Davide voleva nascondere il suo peccato. Il generale rifiutò di tornare a casa e da sua moglie, per solidarietà con i propri soldati. Un gesuita, mio amico, disse che desiderava che i gesuiti avessero, almeno, raggiunto il livello di spiritualità di questo grande pagano della Bibbia.

     


    Obbedienza - Volontà di Dio e Processo

     


    Prima di diventare Superiore Generale, qual era la sua esperienza di vita riguardo all'obbedienza?

     

    R. Era l'esperienza ordinaria di tutti i gesuiti. Cresce in te il desiderio di trovare e mettere in pratica la Volontà di Dio, e il Superiore della Provincia o della tua Comunità diventa il mediatore. Così, per esempio, quando il Padre Generale Janssens richiese volontari per diverse missioni, io mi offrii volontario e venni inviato in Giappone. In questo processo niente differisce da ciò che ci si attende da ogni gesuita.

     

    Per molti gesuiti l'obbedienza consiste nel portare avanti il loro lavoro giornaliero. Vi è un modo in cui i gesuiti possano trovare il senso della loro vita in questa esperienza, invece di considerarlo solo un'incombenza?

     

    R. Tutto dipende dall'atteggiamento, dal cuore con cui si compie la missione, il lavoro, o le incombenze che comportano. Ciò che dà la vita non è il lavoro, né le incombenze, ma il Signore, che ci chiama al suo servizio. Questa è la chiave per il nostro discernimento e la nostra libertà, perfino nell'obbedienza più difficile. Quand'ero giovane, ho sentito una volta un gesuita dire: "Negli anni della gioventù il voto più difficile da mantenere può essere la castità, ma negli anni della maturità è l'Obbedienza".

    Forse la risposta a questa e ad altre domande è la revisione del processo dell'obbedienza; il recupero della "ricerca", il rifiuto di rendere la volontà di Dio meccanica e automatica e il nostro coinvolgimento in questa ricerca. È importante che io sappia che il Superiore ed io stiamo perseguendo un medesimo obiettivo, che è la Volontà di Dio nella missione. Ciò che è davvero importante non è la mia volontà o lo sviluppo dei miei limitati talenti ma il servizio delle anime, dal momento che noi, corpo della Compagnia, ci impegniamo in questo servizio nella Chiesa.

     

    Molte persone esterne ai gesuiti rimangono perplesse riguardo al nostro stile di obbedienza. Potrebbe spiegare loro in che modo la Volontà di Dio opera tramite il nostro modo di governare?

     

    R. Come ho appena detto, nessuno può dire di conoscere la Volontà di Dio con certezza. Siamo tutti in ricerca e dovremmo sempre essere in grado di discernere quale sia la Volontà di Dio. Si tratta di un argomento così importante che Sant'Ignazio arrivò a ritenere che, se il soggetto ha ragioni molto valide e importanti per cui un ordine concreto del Superiore possa non corrispondere alla Volontà di Dio, a causa delle sue conseguenze negative, è obbligato a proporre una "rappresentazione", vale a dire delle argomentazioni contrarie all'ordine, di modo che il Superiore possa riconsiderare il proprio ordine o portarlo avanti, essendo consapevole di tutte le conseguenze. La chiave, pertanto, resta nel fatto che tutti i gesuiti sono coinvolti nella ricerca della Volontà di Dio. È più difficile fare una "rappresentazione" che accettare ordini che non hanno senso; o, detto più semplicemente, è più facile lamentarsi che portare il proprio contributo. 

     

     
     
    Our online pharmacy offers not only of interest to deliver the medication at home viagra usa pharmacy online order to do this, we are helping to define the format of the pharmacy, its positioning, as well as to identify all boundary conditions. Shaping the future image of the pharmacy is both creative and rational approach buying lipitor in uk these solutions help customers easily navigate and pleasant shopping. This emerging way to practice medicine in checking how important online, especially how cialis buy online recently order of medicines in pharmacies is becoming increasingly important.