English   Español   Français


If you wish to receive regularly the news from the Jesuit Curia, send an email with the subject "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archive of newsletters before March 2009
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits in Africa
  • Jesuits in Canada and USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Mirada Global online review

    politics, economy, culture and religion from a Latin American perspective. More »


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecology amd Jesuits in Communication

    Seeks to sustain a greater awareness of Jesuit people in ecology and advocacy efforts
    | More »


  • PDF

    Vol. XIX, No 19 23 novembre 2015

    PADRE GENERALE

     

    Visita del Padre Generale alla Provincia dell'Africa Orientale

     

    Wau, Sudan del Sud: Condividete il vostro cibo con coloro che non ne hanno

    Il 4 e 5 novembre, il Padre Generale ha visitato Wau, nel Sudan del Sud, in compagnia dei PP. Fratern Masawe (Assistente Regionale dell'Africa), Douglas Marcouiller (Assistente Regionale di Canada e Stati Uniti) e Joseph Afulo (Provinciale dell'Africa orientale). Nell'omelia del 5 novembre, il Padre Generale ha fatto un appello ai sudanesi del Sud perché riscoprano le radici della loro cultura, dicendo loro che la condivisione della cultura e una vita in pace e armonia sono fondamenta della società. Il P. Generale ha esortato i gesuiti a diventare uomini per gli altri in ogni momento andando in profondità nella loro missione di coltivare la missione di Dio che porterà la pace tra i lupi. Li ha anche incoraggiati a emulare i confratelli del Vietnam, dove la Compagnia di Gesù sta crescendo rapidamente, e questa crescita è dovuta al fatto "che i vietnamiti sono missionari molto coraggiosi perché non hanno paura di nulla". Di recente, il Padre Generale aveva incoraggiato i gesuiti del Sudan del Sud a continuare a lavorare per una società pacifica. "L'esperienza di pace ha fatto scorrere lacrime di gioia agli israeliti. Abbiamo bisogno della pace per il lavoro, lo sviluppo e la vita insieme come figli e figlie di Dio. Condividete il vostro cibo con coloro che non ne hanno".

     

    Gulu, Uganda: L'educazione è la nostra visione prioritaria come gesuiti e collaboratori della Compagnia

    Il 6 e 7 novembre, il Padre Generale ha fatto visita ai gesuiti di Gulu, in Uganda, in compagnia dei PP. Fratern Masawe (Assistente Regionale dell'Africa) e Joseph Afulo (Provinciale dell'Africa orientale). Durante il suo soggiorno a Gulu, il Padre Generale ha visitato l'Ocer Campion Jesuit College, dove, in un incontro con il personale della scuola, ha rimarcato il valore del ruolo degli insegnanti e ha sottolineato il fatto che essere insegnanti sia una missione importante e che l'educazione è la nostra visione prioritaria come gesuiti e collaboratori della Compagnia. "Così facendo, diamo la possibilità agli allievi di diventare persone di eccellenza che possono a loro volta aiutare altri esseri umani a venirsi incontro". Ha anche spiegato che, sebbene la disciplina sia un fattore importante dell'educazione, la cosa più importante è consentire agli allievi di fare delle esperienze, di riflettere sulle loro azioni, e di prendere decisioni in maniera indipendente". In un incontro successivo con i gesuiti, il Padre Generale li ha incoraggiati alla profondità, alla creatività e a condurre una vita nello Spirito.

     

    Dar es Salaam, Tanzania: Se la scuola è interreligiosa, tanto meglio

    L'8 e 9 novembre il Padre Generale ha fatto visita ai gesuiti di Dar es Salaam, in Tanzania. Alla Loyola High School di Dar es Salaam, che conta ben 1.300 studenti, il Padre Generale ha piantato un albero come simbolo di speranza per il lavoro fatto nella scuola. Poi, in un'intervista alla Loyola High School, il Padre Generale ha espresso diversi concetti:

    D: Le istituzioni della Compagnia sono cattoliche, ma gli allievi, il corpo docente e il resto del personale professano generalmente fedi diverse. Quale consiglio darebbe agli appartenenti a una comunità interreligiosa come la Loyola High School?

    R: Mi affascina il fatto che ogni cultura abbia la propria saggezza. Abbiamo bisogno delle saggezze, le saggezze al plurale, del mondo per rendere la nostra vita e il nostro mondo un po' più vivibile, un po' più umano. Penso di poter tranquillamente dire che il compito principale dei missionari non sia di convertire, né di incrementare necessariamente il numero dei cristiani, ma di imparare dalla saggezza delle altre tradizioni (Islam, Buddhismo, Scintoismo o tutte le altre tradizioni), e di far sì che siano un arricchimento per la Chiesa, per il centro. Abbiamo bisogno di una nuova teologia della missione. Dobbiamo portare la saggezza di altre tradizioni, e questo è il motivo per cui una comunità in cui siano presenti cristiani, musulmani e buddhisti, e così via, è una comunità molto saggia. Riuscire a tirare fuori il meglio di ognuno è un contributo per il bene di tutti.

    Penso anche che, nella Provincia dell'Africa orientale, voi avete 6 Paesi (Etiopia, Sudan, Sudan del Sud, Uganda, Kenya, Tanzania); e questa è un'opportunità straordinaria per mettere insieme diversi punti di vista, diversi modi di vivere, e per apprendere da ognuno di essi, perché siano un arricchimento per la crescita di ognuno. Più diventiamo internazionali, più saremo universali, più potremo contribuire alla crescita degli altri.

    Per cui direi che, se la scuola è interreligiosa, tanto meglio. C'è molta saggezza che può essere condivisa.

     

    Arusha, Tanzania: Imparate dalla saggezza di altre religioni

    Dal 9 all'11 novembre, il Padre Generale ha fatto visita al Noviziato della Compagnia Gonzaga Gonza di Arusha, in Tanzania. Il momento saliente della visita è stata l'inaugurazione del giubileo d'argento del noviziato in una messa concelebrata il 10 novembre. Dopo la messa, sia il Padre Generale che i PP. Fratern Masawe (Assistente Regionale dell'Africa) e Joseph Afulo (Provinciale dell'Africa orientale) hanno piantato un albero per uno all'interno del complesso del noviziato in commemorazione della visita del Padre Generale. In seguito, durante un incontro con i novizi, il Padre Generale li ha incoraggiati a imparare dalla saggezza di altre religioni e a essere consapevoli che la saggezza non appartiene solo a loro ma all'umanità intera.

     


    DALLE PROVINCE

     

    STATI UNITI: Chicago: Il Papa risponde alle lettere dei bambini di tutto il mondo

    La Loyola Press di Chicago pubblicherà il primo e unico libro per bambini scritto da Papa Francesco dal titolo Caro Papa Francesco, vorrei fare merenda con te a marzo 2016. Il libro, redatto dal P. Antonio Spadaro, S.J., e da Tom Grath della Loyola Press, è una raccolta di risposte personali del Papa a 31 lettere scritte a mano e a disegni di bambini dai 6 ai 13 anni di ogni parte del mondo. La Loyola Press pubblicherà la versione rilegata in inglese e spagnolo negli Stati Uniti. Sviluppatosi come progetto internazionale della Compagnia, il libro verrà pubblicato contemporaneamente in Italia, Spagna, Messico, Polonia, Indonesia, Filippine e India. La portata mondiale del libro non ha precedenti. Vi sono rappresentati sei continenti e 26 nazioni, incluse Albania, Siria, Cina, Kenya e Stati Uniti, e, mentre ogni regione dimostra la sua unica sensibilità estetica, dal libro emergono molti temi e preoccupazioni comuni: grande amore per Papa Francesco e curiosità riguardo alla sua vita, preoccupazioni per l'aldilà, un forte senso di giustizia, sia sociale che teologico, l'importanza della famiglia, e il desiderio di essere visti e ascoltati. Le risposte di Papa Francesco sono meditate e motivanti, e confermano la sua convinzione che i bambini siano il futuro e le loro voci vadano ascoltate.

     

    SPAGNA: SJES - Networking for Justice

    Dal 17 al 20 novembre, cinquantacinque gesuiti e loro collaboratori si sono radunati a Loyola, in Spagna, per un incontro organizzato dal Segretariato per la Giustizia Sociale e l'Ecologia. L'incontro ha riunito le varie reti del Global Ignatian Advocacy Network (GIAN) per condividere le loro esperienze e fare dei piani per un miglior impegno nell'apostolato sociale. In un'intervista rilasciata durante l'incontro, il P. Francisco Javier Álvarez de los Mozos, Segretario per la Giustizia Sociale e l'Ecologia ha detto: "Ci sono molte sfide apostoliche globali per la famiglia ignaziana e dei gesuiti. Sogno che potremo diventare un organismo più grande e con delle strutture più organizzate al servizio delle necessità dei poveri nel mondo. Costituire delle reti di interconnessione è un "must" al giorno d'oggi. In questo modo viene rispettata la particolarità locale ma, allo stesso tempo, si riesce a lavorare in gruppo per una causa comune".

     

    EL SALVADOR: L'archivio del P. Ellacuría è stato incluso nella lista dei patrimoni documentali dell'UNESCO

    Il Museo de la Palabra y la Imagen (MUPI) (Museo della Parola e dell'Immagine) ha riferito che l'UNESCO ha incluso l'archivio del Padre gesuita Ignacio Ellacuría come patrimonio documentale dell'America Latina e dei Caraibi. Il delegato del Comitato regionale per l'America Latina e i Caraibi, che è anche il direttore del MUPI, Carlos Henríquez Consalvi, ha recentemente consegnato la certificazione al P. Andreu Oliva, rettore della Universidad Centroamericana (UCA), che ricopre oggi lo stesso ruolo che fu del P. Ellacuría quando venne assassinato. Il P. Ignacio Ellacuría è stato ucciso il 16 novembre 1989 durante la guerra civile ad El Salvador, insieme ad altri gesuiti spagnoli, un gesuita salvadoregno e 2 donne. L'archivio è di interesse principalmente filosofico e teologico, ma contiene anche documenti e materiale riguardante le considerazioni del P. Ellacuría sulla situazione politica di El Salvador e dell'America Centrale negli anni '80 e inizio dei '90.