English   Español   Français


If you wish to receive regularly the news from the Jesuit Curia, send an email with the subject "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archive of newsletters before March 2009
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits in Africa
  • Jesuits in Canada and USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecology amd Jesuits in Communication

    Seeks to sustain a greater awareness of Jesuit people in ecology and advocacy efforts
    | More »


  • PDF

    Vol. XX, No. 05 7 marzo 2016

    PADRE GENERALE

     

    Il Padre Generale ha visitato le Province indiane di Andhra, Gujarat e Madurai tra il 21 febbraio e il 5 marzo. I Padri Lisbert D'Souza (Assistente Regionale per l'Asia meridionale) e Antoine Kerhuel (Assistente Regionale per l'Europa occidentale) lo hanno accompagnato in questo viaggio. Il P. D'Souza ha condiviso con noi alcuni dei principali avvenimenti del viaggio.

     

    Andhra: 21 febbraio 2016

    Siamo arrivati all'Andhra Loyola College [ed] è cominciata la festa. Quattro studenti hindu hanno cantato delle preghiere e ci hanno offerto un recipiente con all'interno una noce di cocco da toccare. Ci hanno detto che si trattava di una tradizionale cerimonia di benvenuto Telugu. Nel primo pomeriggio, il Padre Generale ha incontrato i gesuiti della zona, a cui ha parlato della preparazione della Congregazione Generale 36. Nel tardo pomeriggio, il P. Generale si è rivolto al personale e agli studenti della scuola, che erano più di 5.000, radunati nel campo da calcio, dove ha tenuto un discorso sullo scopo dell'educazione gesuitica: favorire la crescita degli studenti e metterli in condizioni di dare il loro contributo a una nuova umanità; il che prevede la creazione di relazioni, l'interazione, la ricerca di profondità, il senso dello humour e il tempo per il gioco e lo sport (dove si impara a interagire all'interno di un sistema di regole).

     

    Andhra: 22 febbraio 2016

    Il Padre Generale ha trascorso la giornata nel fare quello che più gli è gradito: interagire con i gesuiti in formazione. Ha avuto un incontro con gli studenti universitari (24, provenienti da 5 Province) che studiano all'Andhra Loyola College, poi ha incontrato i novizi della Provincia di Andhra al noviziato di Nagarjuna (erano 12, ma tutti del primo anno di noviziato). Il discorso rivolto agli studenti universitari si è articolato intorno al trittico: profondità, creatività e vita nello Spirito. La condivisione con i novizi li ha incoraggiati a impegnarsi senza riserve nei loro compiti. "Lottate sempre per offrire il vostro servizio", ha detto il P. Generale, "e sarete sempre felici, perché troverete sempre nuove modalità di servizio. Se, d'altra parte, nutrite ambizioni ad alte cariche o volete fare quello che pensate vi possa rendere felici, sarete sempre ostaggio dei vostri stessi desideri."

     

    Trichy: 28 febbraio 2016 (un momento di distensione)

    Il primo incontro formale è stato quello con il personale, gli studenti e gli ex-allievi del St. Joseph's College a Trichy. Si è verificato un piccolo contrattempo, quando due giovani donne hanno dato il benvenuto al P. Generale con l'applicazione del tradizionale punto rosso di pasta di curcuma e legno di sandalo sulla fronte. Una delle donne reggeva un vassoio con dei fiori e una ciotola di grani di zucchero, e qualcuno ha suggerito, "Li metta in bocca". Il Padre Generale ha ubbidito prendendo in mano un fiore e, mentre stava per portarlo alla bocca, un'altra voce ha detto, "Non il fiore, i grani di zucchero". Il P. Antoine Kerhuel, che era dietro di lui, ha approfittato del lieve malinteso e ha assecondato la cerimonia con la classica flemma francese! Nel suo discorso, il Padre Generale ha affrontato due punti chiave. Il primo punto verteva sull'importanza dello speciale contributo di insegnanti donne alla formazione degli studenti, presumibilmente per contribuire allo sviluppo della sensibilità e del Quoziente Emotivo. Il secondo verteva sul fatto che l'istruzione impartita dai gesuiti cerca di aiutare gli studenti, che siano hindu, cristiani, musulmani, o appartenenti ad altre religioni, ad essere quello che sono, un buon hindu, un buon musulmano e così via, ma in profondità, perché è nel profondo che si trova la verità e questa verità risiede dentro di noi. L'istruzione aiuta a portare alla luce questa dimensione profonda.

     

    Madurai: 1 marzo 2016

    Alla Curia Provinciale di Ahmedabad, il Padre Generale ha incontrato 43 scolastici provenienti da nove diverse Province, che studiano al St. Xavier's College ad Ahmedabad. Il Padre Generale ha parlato dell'importanza di aprirsi alla collaborazione con gli altri. Questo è anche l'intento di Papa Francesco nell'incoraggiare la "sinodalità", perché vuole che lavoriamo insieme agli altri. Anche noi dobbiamo cercare compagni per la nostra missione condivisa, che è la missione di Dio. Parlando del bisogno di andare in profondità, il P. Generale ha sottolineato l'importanza della lettura e ha poi detto di essere contento del fatto che alcuni scolastici facessero danza. Ha osservato che la danza è un bellissimo modo per esprimere la gioia di vivere e l'ha messa in relazione con quello che ha visto in diverse zone dell'Africa. Quando gli è stato chiesto quali fossero le sue tre più grandi consolazioni e delusioni, il P. Generale ha citato, rispettivamente, le persone totalmente disponibili alla missione e quelle che si tirano indietro; le comunità che danno testimonianza della nostra missione e quelle che sono divise; e apostolicamente, le comunità di inserimento e quando tali comunità falliscono e i gesuiti abbandonano questa forma di solidarietà con i poveri. 

     


    DALLA CURIA

     

    RADIO VATICANA: Nuova tappa nella missione della Compagnia di Gesù

    Il 29 febbraio 2016, hanno concluso la loro lunga e feconda missione a Radio Vaticana il P. Federico Lombardi, Direttore Generale, e il Dr. Alberto Gasbarri, Direttore Amministrativo. Oltre a portare a termine i mandati per cui sono stati nominati, la fine delle loro funzioni rappresenta anche la scomparsa degli incarichi menzionati, a causa dell'inserimento della Radio Vaticana nella nuova Segreteria per la Comunicazione creata dal Papa Francesco il 27 giugno 2015 con la finalità di rinnovare la concezione e l'organizzazione della comunicazione vaticana.

    Papa Francesco ha manifestato il suo desiderio di affidare alla Compagnia di Gesù la gestione della Radio Vaticana in questa nuova tappa della comunicazione della Santa Sede. Il P. Andrzej Majewski, nominato dal Santo Padre Direttore dei programmi della Radio Vaticana a settembre del 2015, è a capo dell'équipe di più di venti gesuiti impegnati nel continuare a offrire un servizio alla comunicazione del vangelo, della parola del Papa e della Chiesa con una produzione multimediale, multiculturale, multilinguistica, pluralistica, digitale, presente nelle reti sociali e il più accessibile possibile. Il P. Generale e i gesuiti destinati alla Radio Vaticana cercano il modo di partecipare attivamente a questo complesso processo, con la loro esperienza di 85 anni nel più importante mezzo di comunicazione del Vaticano.

    Il P. Federico Lombardi proseguirà il suo lavoro alla Sala Stampa del Vaticano e come portavoce del Santo Padre, oltre a far parte della nuova organizzazione della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede.

     

    SJES: La giustizia nell'economia globale (Rapporto Speciale)

    Fin dall'inizio del suo pontificato, Papa Francesco ha ripetutamente sollecitato la Chiesa e la società nel suo insieme a rivolgere l'attenzione ai temi della giustizia nel contesto dell'odierna economia globale. È l'argomento che viene affrontato in questo rapporto speciale, ovvero una riflessione su come le attuali economie incidono sulla questione dell'inclusione e della sostenibilità, mentre si esplorano le modalità in cui l'economia può meglio rispondere alle necessità dei poveri e dell'ambiente. I Segretariati gesuiti per la giustizia sociale e l'ecologia e per l'educazione superiore hanno affidato questo compito a un gruppo di lavoro formato da esperti, che hanno prodotto il documento in questione, pubblicato come PJ 121: Per scaricare il pdf...

     

    AP: Click to Pray (Clicca per pregare), la nuova app per pregare con Papa Francesco

    La Rete mondiale di preghiera del Papa (Apostolato della Preghiera) continua a portare innovazioni nella Chiesa per attirare le nuove generazioni. Per questo lancia Click to Pray, una recente applicazione, disponibile sia su web che per cellulare, con cui invita gli uomini e le donne di tutto il mondo a unirsi alle intenzioni di preghiera di Papa Francesco per le sfide dell'umanità. Dopo l'uscita del primo videomessaggio che ha come protagonista un Papa, ora Francesco torna alla ribalta con il lancio di Click to Pray, una app con la quale desidera far conoscere la Rete mondiale di preghiera del Papa (Apostolato della Preghiera), diffondere le sue intenzioni mensili e promuovere una preghiera giornaliera. 

     


    DALLE PROVINCE

     

    JRS: "Tell us the routes"

    Il JRS Europa ha creato un nuovo progetto di comunicazione, "Tell us the routes (Indicaci le vie)" che mira a mettere in evidenza le singole voci, speranze e sogni delle persone che cercano una nuova vita sicura in Europa. Il progetto è stato affidato a Danielle Vella e Darrin Zammit Lupi. Danielle è una consulente dell'ufficio internazionale del JRS, ed è molto impegnata nel dare voce ai rifugiati, come si può evincere da sue precedenti pubblicazioni. Danielle e Darrin, un fotoreporter maltese, accompagneranno i rifugiati nel loro viaggio.

     

    REPUBBLICA CECA: Incontro degli organizzatori MAGIS

    Sabato, 13 febbraio, a Brno si è tenuto un incontro di preparazione per MAGIS 2016, a cui hanno partecipato i massimi esponenti delle esperienze del MAGIS della Repubblica Ceca con i loro assistenti, gesuiti e collaboratori laici. L'incontro è stato strutturato secondo una tipica giornata del MAGIS: preghiera mattutina e tema della giornata, attività, circolo MAGIS, e messa celebrata dal Provinciale della Repubblica Ceca, Josef Stuchly. L'incontro è stato moderato dall'équipe centrale dei gesuiti polacchi del MAGIS 2016, il coordinatore generale del programma Waldemar P. Los, e Marek Firlejczyk che si occupa del coordinamento degli esperimenti. Vi saranno cinque esperimenti ignaziani nella Repubblica Ceca: un pellegrinaggio sulle orme dei gesuiti nella Boemia centrale, esercizi spirituali con filmati in una casa di ritiri dei gesuiti, un'esperienza ecologica in un antico monastero francescano vicino a Praga, una sperimentazione teatrale dal titolo "Experience Bible through action (Fai esperienza della Bibbia nell'azione)" e un'esperienza di Pietre Vive nelle chiese dei gesuiti nel centro di Praga.

     

    ROMA: Missionari della Misericordia

    Il mercoledì delle ceneri, Papa Francesco ha dato un segno dell'Anno Giubilare Stra-ordinario della Misericordia inviando missionari di misericordia in tutto il mondo; tra cui si annoverano anche quattro gesuiti: i Padri Wendelin Köster, S.J. (Provincia tedesca), Lluís Victori, S.J. (Provincia spagnola), Anthony O'Riordan, S.J. (Provincia irlandese), e Richard Shorthall, S.J. (Provincia australiana).