English   Español   Français


If you wish to receive regularly the news from the Jesuit Curia, send an email with the subject "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archive of newsletters before March 2009
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits in Africa
  • Jesuits in Canada and USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Mirada Global online review

    politics, economy, culture and religion from a Latin American perspective. More »


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecology amd Jesuits in Communication

    Seeks to sustain a greater awareness of Jesuit people in ecology and advocacy efforts
    | More »


  • PDF

    Vol. XIV, N. 11, 19 maggio 2010

    Nomine

    Papa Benedetto XVI ha nominato il P. James McCann Rettore del Pontificio Istituto Orientale che entrerà in carica a metà settembre. P. James è nato negli Stati Uniti d'America nel 1949, è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1967 ed è stato ordinato sacerdote nel 1979. Ha conseguito la licenza in teologia al Centre Sèvres di Parigi e un master all'Università di Yale in Studi sull'Europa Orientale e la Russia e un dottorato all'Università di Princeton in Scienze Politiche con specializzazione in Russia ed Europa Orientale.

     

    Il Padre Generale ha nominato suoi Consiglieri i seguenti gesuiti:


    1) Per il Dialogo Ecumenico:

    - per gli Orientali: Milan Zust (SVN), del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani;

    - per i Protestanti: Thomas Rausch (CAL), professore di teologia alla Loyola Marymount University di Los Angeles.

    2) Per il dialogo interreligioso con le altre religioni:

    - per il Giudaismo: Jean-Pierre Sonnet (BML), della Pontificia Università Gregoriana;

    - per l'Islam: Christian Troll (GER), del "Sankt Georgen" di Francoforte;

    - per il Buddhismo: Aloysius Pieris (SRI), del "Tulana Research Centre" di Colombo;

    - per l'Induismo: Noel Sheth (BOM), della "Inana-Deepa Vidyapeeth" di Pune;

    - per le religioni indigene delle Americhe: Xavier Albó (BOL), del CIPCA di La Paz;

    - per le religioni indigene dell'Africa: Kemboly Mpay (ACE), della facoltà di filosofia di Kinshasa.

     

    Questi Consiglieri costituiscono il Segretariato per il Dialogo Ecumenico e Interreligioso della Compagnia, che prende il posto di un singolo Segretario nella Curia Generalizia. Il Segretariato costituirà un gruppo di consultazione al corrente del dialogo con le differenti comunità. Ogni Consigliere rimarrà nella sua Provincia e continuerà a svolgere il suo lavoro attuale. Tutti i Consiglieri si riuniranno a Roma una volta l'anno per discutere con il Padre Generale sullo sviluppo del dialogo ecumenico e interreligioso e sull'impegno della Compagnia in questo campo. L'incarico è previsto per la durata di tre anni.

     

    Il Padre Generale ha anche nominato:

     

    - il P. Guillermo Rodriguez-Izquierdo Gavala, nuovo Provinciale della Provincia Betica, in Spagna. P. Guillermo è nato nel 1940, è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1956 ed è stato ordinato sacerdote nel 1970. Attualmente fa parte della comunità del S. Cuore di Gesù a Siviglia;

     

    - il Jean-Marc Biron, nuovo Provinciale della Provincia del Canada di lingua francese. P. Jean-Marc è nato nel 1943, è stato ordinato sacerdote nel 1967 ed è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1990. Attualmente è direttore del Centro di Spiritualità Manresa di Québec;

     

    - il P. José Alberto Mesa, della Provincia di Colombia, nuovo Segretario per l'Educazione Secondaria. P. José Alberto è nato nel 1960, è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1979 ed è stato ordinato sacerdote nel 1992. Attualmente è superiore e rettore del Colegio San José di Barranquilla.

     

    Il Padre Generale ha confermato la nomina:

     

    - del P. Sunny Thomas Kokkaravalayil superiore della comunità del Pontificio Istituto Orientale di Roma, che è entrato in carica il giorno 14 maggio. P. Sunny, che era già facente funzione di rettore dell'Istituto e superiore della comunità, è originario della Provincia del Kerala (India); è nato nel 1964, è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1989 ed è stato ordinato sacerdote nel 1998.

     


    Dalle Province

    AUSTRALIA: Rivisitare la storia della Compagnia

    "La nostra storia e le sue implicazioni per il futuro dell'apostolato pastorale" è stato il tema di un incontro tenutosi all'inizio di maggio e che ha visto riuniti gesuiti e laici di dieci parrocchie della Compagnia nella residenza di Sevenhill, in Australia. L'incontro è iniziato con una introduzione sulla storia dei primi gesuiti arrivati sul posto dall'Austria ed è proseguito con una panoramica sulla missione dei gesuiti australiani all'interno della Compagnia universale. Si è proseguito con la presentazione delle caratteristiche peculiari di ogni parrocchia, i cui rappresentanti hanno raccontato come queste peculiarità sono vissute. Per le parrocchie è stata un'occasione di condivisione come ha sottolineato P. Dwyer che ha detto: "Non siamo più parrocchie isolate che lavorano in città diverse. Queste riunioni ci hanno permesso di creare una rete, e proprio in questo incontro ne vediamo la forza". E parlando del gran numero di laici presenti all'incontro ha detto: "Anni fa non sarebbe stato così. I laici stanno diventando grandi guide in tutti i campi dell'apostolato pastorale".

     

    BANGLADESH: Nuova casa dei gesuiti

    Una nuova casa dei gesuiti, Nobojoyti Niketon (Casa della Nuova Luce), è stata inaugurata a nord di Dhaka, capitale del Bangladesh, su desiderio dei vescovi cattolici locali, e in particolare dell'arcivescovo, con la speranza di contribuire alla crescita spirituale e allo sviluppo della popolazione locale. Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato circa 400 cattolici compresi 10 sacerdoti con una messa presieduta dall'arcivescovo di Dhaka Paulinus Costa che ha dichiarato: "Il nuovo centro predicherà nel paese la spiritualità e l'idealismo di Sant'Ignazio di Loyola. Organizzerà conferenze e ritiri per sacerdoti e religiosi locali e provenienti da fuori. Sarà di grande aiuto alla Chiesa per la sua crescita spirituale". La casa, un edificio di sei piani, sarà un centro di consultazione specializzato, aperto gratuitamente a fedeli di ogni fede e funzionerà anche come centro di formazione per candidati alla vita religiosa. "Speriamo di contribuire ad  accrescere le vocazioni tra i giovani cattolici locali", ha detto il Padre George Patteri, superiore dei gesuiti della Provincia di Calcutta.

     

    COLOMBIA: In difesa del P. Javier Giraldo

    Nelle ultime settimane, e in particolare alla fine di aprile, sono apparsi graffiti nella città di Bogotà con minacce di morte al P. Javier Giraldo, membro del CINEP (Centro de Investigación y Educación Popular). Il motivo di queste minacce è da ritrovarsi nel fatto che il Padre Giraldo ha denunciato, a seguito delle sue ricerche, ben 201 crimini e assassini commessi dall'Esercito Nazionale Colombiano, dai gruppi paramilitari e di guerriglia, dal luglio 1996 ad oggi, nella Comunidad de la Paz de San José de Apartado. Inoltre ha organizzato e firmato richieste per denunciare innumerevoli azioni criminali da parte di gruppi armati, la maggior parte delle quali rimaste impunite. Il CINEP, in un suo comunicato, ha commentato: "Respingiamo queste minacce contro il Padre Giraldo che ha difeso i diritti umani e ha denunciato il sistema di impunità verso crimini contro leggi umanitarie internazionali che sono stati commessi e ancora vengono commessi in Colombia", e chiede che il governo faccia chiarezza e disponga un sistema di protezione per coloro che sono minacciati. Da parte sua il P. Francisco de Roux, Provinciale della Colombia, ha detto. "Di fronte a questa campagna di graffiti per distruggere l'uomo e la persona vogliamo affermare chiaramente che il P. Javier Giraldo è un uomo di altissimo valore morale, un vero cercatore della verità, un lottatore instancabile a fianco degli esclusi, un difensore a tutto campo della dignità umana, un uomo convinto che lo stato e le sue forze di sicurezza devono essere al servizio della vita e della integrità di tutti".

     

    INDIA: Statua di San John de Britto

    Facendo seguito alla visita in Portogallo del P. Cyril Antony Samy, responsabile del santuario dedicato a San John de Britto a Oriyur, nel Sud dell'India, che sorge sul luogo del suo martirio, la comunità dei gesuiti di Soutelo, in Portogallo, ha deciso di offrire a questo santuario una statua del Santo alta circa due metri, in legno, scolpita nella città di Braga. San John de Britto (1647-1683), un gesuita portoghese missionario in India, è morto decapitato per la fede e dichiarato Santo da Pio XII nel 1947.

     

    ITALIA: I cento anni del Pontificio Istituto Biblico

    Con lo slogan "100 anni a servizio della Parola", dal 3 all'8 maggio scorso, il Pontificio Istituto Biblico ha festeggiato la settimana conclusiva dell'anno centenario iniziato il 9 maggio 2009. E' stata un'occasione per "rileggere" la Bibbia in prospettiva pastorale, liturgica e nei rapporti con le altre religioni. E' stato il presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, mons. Gianfranco Ravasi, ad aprire la prima sessione, il 3 maggio, curata dagli studenti e dedicata al XII Sinodo dei Vescovi incentrato sulla Parola di Dio. La seconda sessione (6-7 maggio), curata dai docenti del Biblico, è stata dedicata invece ai "Temi attuali dell'esegesi". La settimana si è conclusa sabato 8 con una giornata celebrativa, aperta dalla messa presieduta nella chiesa di Sant'Ignazio dal P. Adolfo Nicolás, Superiore Generale della Compagnia di Gesù e vicecancelliere dell'Istituto. Alle celebrazioni hanno partecipato numerosi sacerdoti, studiosi e rappresentanti di altre religioni provenienti da tutto il mondo.

     

    PERU': Giochi Adecco 2010

    Sono stati più di 15 i collegi che hanno partecipato ai giochi organizzati ogni anno dall'Associazione Sportiva dei Collegi Cattolici del Consorzio (ADECCO), di cui è presidente Fratel Florentino Dorado S.J. Le delegazioni sono partite dalla Piazza delle Tre Culture, nel centro della città di Piura, e sono sfilate portando gli stendardi dei collegi e mostrando con orgoglio i colori che li rappresentavano, mentre l'orchestrina del Colegio San Pedro Chanel di Sullana li accompagnava con la musica. In testa al corteo era la delegazione del collegio San Ignacio de Loyola, campione dei giochi Adecco 2009 per il basket, calcio e nuoto. Arrivati al teatro "Jerónimo Seminario y Jaime", Suor Alejandrina Puelles, coordinatrice della Pastorale del Colegio Nuestra Señora de Lourdes, ha tenuto il discorso di apertura e il Fratel Florentino Dorado ha dato l'inizio ufficiale all'edizione 2010 dei tradizionali giochi.

     

    USA: In bici per ridurre la povertà

    Il P. Matt Ruhl, S.J., parroco di St. Francis Xavier Parish a Kansas City, Missouri, ispirato dalla campagna delle Catholic Charities degli Stati Uniti per la riduzione della povertà, ha deciso di abbinare la sua passione per i poveri a quella per la bici promuovendo un progetto innovativo per ridurre la povertà, a cui è stato dato il nome di Cycling for Change. Insieme ad altri dodici ciclisti alla fine di maggio inizierà un viaggio di 5000 miglia in biclicletta che da Kansas City lo porterà fino a Key West. Durante i cento giorni di viaggio il gruppo di Clycling for Change farà tappa in diverse località, tra cui una riserva indiana, una prigione della Louisiana, e un'area recuperata di New Orleans.  Lungo la strada  incoraggeranno le varie comunità ad affrontare i temi della povertà e a raccogliere fondi di cui beneficeranno i programmi locali per ridurre la povertà.

     


    I 400 anni dalla morte di Matteo Ricci

    Biografia del Ricci. Venti anni dopo la morte del Ricci, un suo confratello, Giulio Aleni, di Brescia, scriveva la vita del missionario marchigiano in cinese. Questa vita è stata per la prima volta tradotta in italiano, con il testo cinese a fianco, e presentata a Macerata nel corso delle celebrazioni ricciane di maggio. Porta il titolo: La vita di Matteo Ricci scritta da Giulio Aleni (1630). La traduzione è stata curata dal missionario del PIME ad Hong Kong, P. Gianni Criveller, in quale scrive: "Ricci e Aleni non si sono mai incontrati. Eppure la loro vita è profondamente collegata. Forse nessuno come Aleni si avvicina a Matteo Ricci per personalità, formazione, spiritualità, genialità, ecletticità, erudizione, zelo, stile e metodo missionario".

     

    L'11 maggio, data  della morte a Pechino di Matteo Ricci nel 1610, ha segnato una molteplicità di iniziative e di eventi in tutto il mondo che hanno sottolineato ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, l'importanza di questo missionario nella storia dell'evangelizzazione e dei contatti tra il mondo cinese e il mondo occidentale. Segnaliamo brevemente alcune di queste iniziative, a titolo di esempio.

     

    Pechino. Nella cattedrale del Sud è stata celebrata una solenne liturgia con l'esecuzione di una messa musicale per coro a quattro voci composta dal giovane gesuita italiano Luca Uggias, che sta facendo i suoi studi in Cina. Nel luogo dove ora sorge la cattedrale, Matteo Ricci nel 1605 fece costruire una piccola cappella. La stessa messa è stata eseguita il 9 maggio nella cattedrale di Macao.

     

    Shanghai. Come abbiamo scritto nel nostro Bollettino del 5 maggio, presso lo Shanghai Museum, e con una larga partecipazione di autorità civili e religiose, è stata presentata ufficialmente l'edizione digitale del Grand Ricci, il dizionario enciclopedico cinese-francese, già uscito qualche anno fa in edizione stampata.

     

    Taipei. La National Central Library di Taiwan ha messo a punto un programma di eventi in segno di rispetto per il Ricci, per ricordare il suo contributo allo scambio culturale tra Oriente e Occidente e per consolidare l'impegno della Biblioteca a favore del servizio pubblico. Già lo scorso 30 gennaio la National Central Library e l'Istituto Ricci dei gesuiti di Taipei avevano firmato un accordo di collaborazione accademica. L'Istituto Ricci ha affidato alla Biblioteca una raccolta di oltre 30.000 volumi che il pubblico potrà così consultare. L'evento è stato definito "uno dei momenti di maggiore soddisfazione dell'ultimo decennio di scambi culturali  sul piano internazionale".

     

    Vienna. A Vienna, in Austria, il 10-11 maggio si è tenuto un simposio internazionale organizzato dall'università di Vienna e dall'ufficio missionario della Compagnia di Gesù. Studiosi cinesi, austriaci, tedeschi e svizzeri hanno tenuto relazioni su temi quali l'influsso di Matteo Ricci sugli studi geografici in Cina; Matteo Ricci nella storiografia dei comportamenti missionari in Cina; 400 anni di storia della Cina e i gesuiti. Ma sono stati affrontati anche temi di attualità quali i gesuiti e la Cina oggi e il lavoro sociale della Chiesa in Cina ai nostri giorni.

     

    Macerata. In questa città delle Marche, città natale del Ricci, l'8 e il 9 maggio sono state celebrate le "Giornate dell'Amicizia" con la presenza di oltre 250 cinesi che studiano o lavorano in Italia, Le giornate si sono concluse con una solenne celebrazione eucaristica, trasmessa dalla televisione italiana su tutto il territorio nazionale, con la partecipazione del coro della cattedrale di Beitang di Pechino. Le celebrazioni si sono concluse l'11 maggio con la messa celebrata in cattedrale dal vescovo emerito di Hong Hong, il cardinale Joseph Zen Ze-kiun.

     

    Firenze. Sempre il 10-11 maggio, presso l'aula magna del Rettorato dell'università di Firenze, si è tenuto un convegno internazionale di studio organizzato dal dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Comparate della Facoltà di Lettere e Filosofia, in collaborazione con la cattedra di Letteratura Portoghese e Brasiliana dell'università di Firenze, l'Istituto Camões di Lisbona, la Fundação Macau di Macao e altri organismi interessati alla Cina.

     

    Genova. Presso il Palazzo Ducale di Genova c'è stato un incontro sul tema: "Un gesuita scienziato alla Corte dei Ming", dove vari esperti hanno illustrato la figura di Matteo Ricci e le problematiche della Cina di oggi. Ricordiamo che, secondo un progetto del Ministero dello Sviluppo Economico del governo italiano, da questa città partirà presto un corridoio marittimo Genova- Tianjin per le merci del Mediterraneo, intestato a Matteo Ricci. 

     

    Milano. Il Pontificio Istituto Missioni Estere di Milano ha promosso, il 15 maggio un convegno internazionale sul tema La porta dell'amicizia. Era presente, fra gli altri, il vescovo di Hong Kong, mons. John Tong Hon. Per l'occasione è stata presentata ufficialmente una nuova "biografia intellettuale" sul gesuita marchigiano dal titolo Matteo Ricci: missione e ragione scritta dal Padre Gianni Criveller, missionario a Hong Kong e promotore dell'incontro. Al convegno erano abbinate anche alcune mostre tra le quali una sugli "Abiti del buon governo", dedicata ai vestiti indossati da letterati e funzionari imperiali, che furono adottati anche dai missionari del PIME in applicazione del "metodo dell'adattamento" (inculturazione) teorizzato da Matteo Ricci.